1    Lettere biennio

a)   Finalità formative

Le materie letterarie, nel Biennio, puntano alla formazione globale della persona, cercando di favorire una valorizzazione crescente delle capacità individuali, nella convinzione che la cultura non significhi solo trasmissione di conoscenze, ma soprattutto apertura mentale. E’ dunque necessario cogliere tutte le occasioni per rafforzare gli individui sul piano emotivo e cognitivo, fornendo gli strumenti necessari sia agli studi successivi sia alla comprensione del mondo contemporaneo.

Tutte le discipline coinvolte nella voce “Lettere” mirano perciò a far conseguire:

q       q       un valido metodo di studio

q       q       la capacità di leggere per cercare dati

q       q       la capacità di usare strumenti per cercare dati

q       q       la capacità di inferire informazioni dai dati

q       q       la capacità di rielaborare i dati (saper istituire confronti e individuare contatti)

q       q       la capacità di effettuare deduzioni corrette dai dati (evitando le illazioni personali)

q       q       la capacità di tener conto contemporaneamente di diversi dati per interpretare un ‘sistema’ complesso (testo letterario e non, testo di Latino, situazione storica, problemi del mondo contemporaneo)

q       q       la capacità di usare un linguaggio appropriato e corretto

q       q       la capacità di comprendere e usare linguaggi specifici

 

b) Obiettivi didattici  classe1^

 

Italiano

Alla fine della 1^ gli allievi devono dimostrare di possedere:

q       q       la conoscenza delle strutture morfosintattiche fondamentali della lingua italiana

q       q       la capacità di riconoscerle e di riflettere su di esse

q       q       un sufficiente livello di correttezza (ortografica, morfologica, sintattica), di coerenza e di pertinenza negli elaborati scritti (saper scrivere un testo semplice, ma pertinente, chiaro e logico, privo di errori di sintassi)

q       q       una sufficiente competenza sui diversi tipi di produzione scritta (riassunto, relazione, testo argomentativo…)

q       q       la conoscenza teorica delle strutture testuali (testo narrativo, poetico, teatrale)

q       q       la capacità di individuarle concretamente

q       q       la conoscenza dei caratteri e dei temi fondamentali dell’epica classica

q       q       l’abitudine alla consultazione ragionata del vocabolario

q       q       una sufficiente comprensione autonoma di testi d’autore

 

Latino

q       q       la capacità di lettura corretta dei termini latini

q       q       una elementare competenza lessicale

q       q       la conoscenza di declinazioni e coniugazioni e strutture sintattiche svolte

q       q       la capacità di riconoscerle nei testi

q       q       la capacità di riconoscere le concordanze

q       q       la capacità di individuare i termini corretti  sul dizionario

 

Storia e Geografia

q       q       la conoscenza dei caratteri essenziali delle civiltà oggetto di studio

q       q       la capacità di leggere cartine geografiche e tematiche

q       q       una sufficiente conoscenza delle problematiche legate all’insediamento dell’uomo nel territorio

q       q       una sufficiente capacità di confronto tra istituzioni antiche e contemporanee

q       q       una sufficiente capacità di confronto tra istituzioni o realtà lontane e vicine

 

Obiettivi formativi  classe 2^

 

Italiano

-         -         la capacità di lettura approfondita e interpretazione di un testo letterario complesso (romanzo, I promessi sposi)

-         -         la conoscenza delle strutture del testo poetico

-         -         la capacità di riconoscerle nei testi

-         -         la capacità di rielaborarle in una interpretazione globale

 

Latino

-         -         la conoscenza delle strutture morfosintattiche fino alla sintassi dei casi

-         -         la capacità di riconoscere in un testo latino la funzione logica e grammaticale delle sue parti

-         -         la capacità di riconoscere l’organizzazione sintattica di un periodo non troppo  complesso

-         -         la capacità di individuare i costrutti sintattici sul dizionario

-         -         una sufficiente conoscenza lessicale e semantica

-         -         la capacità di intuire al di là della traduzione letterale il senso complessivo di un testo semplice

-         -         un primo contatto con la civiltà latina attraverso semplici testi d'autore anche in traduzione

Storia

-         -         la conoscenza di eventi e nodi storici dal III secolo d.C. alla metà del Trecento

-         -         la capacità di riferire conoscenze in modo pertinente e fluido

-         -         la capacità di effettuare collegamenti tra conoscenze, su richiesta e autonomamente

 

c) Metodi e strumenti di valutazione

Per tutte le materie orali gli insegnanti intendono effettuare:

-         -         interrogazioni guidate

-         -         test scritti parziali su specifici settori di programma a risposta aperta o chiusa

-         -         verifiche scritte sulla capacità di riconoscere le strutture morfosintattiche nei testi

Per l’Italiano scritto si prevedono diverse possibilità:

-         -         tema

-         -         riassunto

-         -         relazione

-         -         analisi del testo

-         -         cronaca

-         -         scrittura documentata

-         -         prove strutturate che richiedano risposte contenute entro un limite convenuto di righe o di parole.

Per Latino la prova scritta consiste nella traduzione di brani dal Latino

Per tutte le materie, sia nello scritto che nell’orale, si intende utilizzare la scala dei voti, dal due al dieci,valutando:

-         -         correttezza espositiva

-         -         coerenza logica del discorso

-    conoscenza dei contenuti fondamentali

Per la sufficienza resta sempre fondamentale la pertinenza rispetto alle richieste

Per le versioni sono requisiti fondamentali per ottenere la sufficienza:

-         -         la comprensione del testo

-         -         la corrispondenza alle strutture sintattiche del testo di partenza.